Viaggi in Tunisia: confini nel caos, ma a Djerba situazione tranquilla

djerba-foto-wikipediaLa situazione politica del mondo islamico continua a essere molto instabile. Anche la Tunisia è parzialmente attraversata da tensioni politiche e sociali.

Il nostro Ministero degli Esteri ha fatto il punto sulla situazione in una recente nota: “Le forze di polizia tunisine mantengono una attenzione elevata sulle attività di gruppi ascrivibili alla galassia religiosa ultraconservatrice, resisi responsabili recentemente di attacchi principalmente ai danni delle forze di sicurezza in aree isolate del nord, del sud e dell’ ovest, a volte con esiti tragici – spiega la Farnesina. – Nel più recente di tali episodi, nella serata del 16 luglio scorso, un gruppo armato da tempo rifugiatosi sul monte Chambi, nella zona montagnosa di confine con l’Algeria, ha compiuto un agguato ai danni di due pattuglie dell’esercito provocando 15 vittime”.

La raccomandazione della Farnesina è quella “di osservare le opportune misure di vigilanza nella frequentazione di luoghi pubblici come centri commerciali, mercati all’aperto, stazioni ferroviarie e mezzi di trasporto in comune e di evitare assembramenti di qualsiasi natura, a Tunisi e nelle altre località. Un’attenzione accresciuta – spiega ancora la nota – andrà prestata negli spostamenti e nell’attraversamento di zone isolate del Paese, oltre che dei quartieri periferici della grandi città, specie negli orari notturni”.

La Tunisia sta vivendo una fase economica difficile, con la disoccupazione e l’inflazione in costante aumento: per questo si verificano di frequenti scioperi e blocchi stradali.

Ma a preoccupare maggiormente sono i confini con la Libia, in cui è scoppiata una nuova guerra: lo stesso Renzi si è occupato della questione, considerata di importanza vitale. Fatto sta che i confini della Tunisia sono presi d’assalto dai libici in fuga. Sono dunque particolarmente sconsigliati i viaggi verso la frontiera di Ras Jedir.

Nessun problema, al momento, per chi sta trascorrendo le vacanze nelle zone costiere, compresa l’isola di Djerba, perla del Mediterraneo.

Nella foto: Djerba (fonte: Wikipedia).

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *