“Gianni M” è tutto siciliano

usticalinesGianni M, l’aliscafo più capiente del mondo, il nuovo arrivato della flotta siciliana capeggiata da Morace.

L’armatore Ettore Morace alla presenza del governatore della Sicilia Rosario Crocetta e dell’assessore regionale ai Trasporti Giovanni Pistorio, ha inaugurato l’aliscafo più grande del mondo che collegherà Trapani a Pantelleria.

A tagliare il nastro durante la cerimonia per il varo dell’aliscafo Gianni M è stato il sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Senatrice Simona Vicari.

A partire da giugno 2016, 350 passeggeri potranno viaggiare su un aliscafo silenzioso, sicuro, veloce, il frutto di anni di studi e ricerche in collaborazione con la facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo.

Morace dice  che “La concezione moderna delle ali consente al mezzo veloce di poter affrontare il mare con un grado di confort per i passeggeri mai raggiunto prima d’ora. Una innovazione totale nel modo di concepire i mezzi veloci che si traduce in maggiore silenziosità, grazie a pannelli realizzati con materiali moderni e fonoassorbenti, maggiore sicurezza e massimo confort”.

“C’è bisogno di queste realtà – ha detto il presidente Crocetta – per rilanciare la Sicilia, di imprese che creano economia e occupazione. Due aspetti fondamentali per uscire dalla crisi e far ripartire il motore dell’economia”.

In via Isola Zavorra, Ustica Lines, grazie al lavoro di 100 maestranze, oggi ha messo in acqua nei propri cantieri HSC di Trapani il “GIANNI M” con un investimento di appena  7 milioni di euro, con fondi anche di provenienza della Comunità Europea per lo sviluppo scientifico.

Questo straordinario aliscafo raggiunge una velocità di 35 nodi e monta due motori caterpillar da 3.000 cavalli ed è il fiore all’occhiello della marineria siciliana ed italiana nel mondo.

Descrizione:

Aliscafo Admiral

Passeggeri: 350

Lunghezza mt. 38

Motori: 2 CATERPILLAR 3516C 2300kW

Velocità 38 Nodi

Bar, TV, impianto stereo, poltrone reclinabili, aria condizionata

Stabilizzazione elettronica

Anno di costruzione 2016

Fonte foto www.trapanioggi.it

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *