Restyling per il Giardino degli Aranci a Roma

savelloIl recupero del Parco Savello, meglio noto come il Giardino degli Aranci all’Aventino, uno spazio verde tra i più famosi al mondo.

Era qui la residenza degli imperatori del Sacro Romano Impero, tra cui l’imperatore Ottone III. Fu infatti Ottone III a completare l’incastellamento dell’Aventino, di cui sono visibili ancora le mura, e il Palazzo fu acquisito successivamente dai Savelli. Papa Savelli, Onorio IV, vi abitò e vi morì, da qui si origina il nome del Clivo omonimo.

Un luogo romantico dell’eterna Roma, restituito al popolo secondo il progetto dell’Architetto Raffaele de Vico nel 1932, grazie alla Fondazione Sorgente Group che ne cura la manutenzione ordinaria.

Il commissario straordinario Tronca ha sottolineato come sia stato “restituito al suo splendore uno dei luoghi più significativi di Roma”.

savello 4Valter Mainetti, presidente di Sorgente Group che che ha finanziato l’opera ha detto: “Siamo pronti,  a mantenere il giardino sempre così, ma chiediamo la presenza di un vigile. Vorremmo fare uno studio accurato sulla storia di questo posto tra il 1000 e 1300 affidandolo al professor La Rocca”.

“Il sistema dell’adozione significa la possibilità di prendersi cura di un luogo. E qui avevamo un punto di partenza complicato perché il degrado era antico. Persino aprire e chiudere i cancelli era difficile”, ha ricordato il Sovrintendente ai Beni Culturali, Caudio Parisi Presicce.

savello 2“Ci sono voluti cinque mesi – ha rilevato Paola Mainetti, Vicepresidente della Fondazione Sorgente Group – per riportare l’area alla originaria bellezza, ma ora il lavoro che ci aspetta è mantenerlo in questa condizione, non solo con attività di manutenzione ordinaria, ma soprattutto cercando di promuovere con la cartellonistica e l’adeguata vigilanza un comportamento dei visitatori consono ai valori storici e ambientali del luogo”.

savello 1 “Questo genere di iniziative – ha dichiarato Sabrina Alfonsi, la Presidente del Primo Municipio – corrisponde in pieno alla nostra idea di governo del territorio, attraverso la partecipazione attiva e il contributo finanziario di cittadini e imprese che hanno a cuore la nostra città. Per fortuna la nostra città è sede di Fondazioni – come quella di Sorgente Group, che ringrazio moltissimo – ed altri soggetti economici pronti a mettere a disposizione le loro risorse professionali e finanziarie per far sì che nostra città possa tornare a splendere”.

savello 3 “La Convenzione firmata con la Fondazione Sorgente Group rientra tra le strategie di miglioramento e di cura delle aree verdi di pregio della nostra Città, con il contributo e la collaborazione di soggetti privati in qualità di mecenati. – ha dichiarato Antonello Mori Direttore Servizio Giardini di Roma Capitale – Roma è dotata di un patrimonio vegetale ricchissimo, prezioso e variegato, tale da poterla considerare una città giardino. Il suo patrimonio verde va curato e salvaguardato nel tempo”.

fonte e immagini www.ansa.it

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *