Vacanze: Italia quinta nel mondo, male il Meridione

spiaggia-mare-ispica-7L’Italia è da molti considerato il Paese più bello al mondo. Difficile dire se sia assolutamente vero, ma una cosa è certo. Il nostro è il Paese con il più alto numero di siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Dal Colosseo alla Torre di Pisa, da Venezia a Napoli, da Pompei alla Valle dei Templi, passando per i vulcani, le spiagge, le isole, i borghi medievali e resti archeologici di ogni epoca, sono innumerevoli i posti che meritano di essere visitati. Così tanti, che non basta una vita intera per farlo!

Nonostante ciò, l’Italia non è più – e da diverso tempo ormai – il paese più amato per le vacanze. Secondo l’Osservatorio Nazionale del Turismo, che si occupa tra l’altro di elaborare dati sul settore, il nostro Stato si trova al quinto posto per quel che riguarda gli arrivi internazionali. Davanti a noi anche Paesi che hanno una quantità di beni culturali decisamente inferiore.

Se in vetta c’è la Francia della splendida Parigi, infatti, subito dietro troviamo gli Stati Uniti, trainati in particolare da New York, Los Angeles, Miami e le principali località bagnate dagli Oceani. Quarta è la Spagna, metà amatissima dai giovani a caccia del divertimento. Quinta è la Cina, che sfrutta soprattutto le sue enormi dimensioni e una popolazione che è la più numerosa sulla terra.

E veniamo in dettaglio all’Italia. La regione più visitata è il Lazio, grazie ovviamente all’alto numero di stranieri che vogliono vedere Roma. Seguono la Lombardia, il Veneto e la Toscana. E il sud Italia? Napoli, Sorrento, Pompei, Agrigento, la Puglia, l’Etna, le Eolie, eccetera? Molto peggio di quanto si potrebbe pensare. Solo il 13% dei turisti che visita l’Italia decide di venire nel Meridione. Marketing sbagliato? Probabile. Ma anche i prezzi alti di molti hotel e B&B e i pessimi servizi di trasporto fanno la loro parte.

Nella foto: litorale ragusano.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *