Vacanze a Roma: warning di Londra, la rabbia di Marino

circo-massimo-romaLe vacanze a Roma? Belle, ma soprattutto pericolose. Ad affermarlo è niente meno che il Ministero degli Esteri del Regno Unito. La bandiera rossa di Londra ha fatto esplodere la polemica. Quasi una guerra politica e diplomatica. Non è certo la prima volta, comunque, che gli inglesi esprimono giudizi così netti e negativi sulle nostre città. Era successo già qualche mese fa con Napoli e la polemica era stata feroce.

Ma veniamo alla notizia più recente, che è proprio di queste ore. Dopo i 32 arresti effettuati a  Ferragosto per borseggi a danno in particolar modo di turisti stranieri (in estate, nella capitale, ci sono quasi solo loro…), il Ministero degli Esteri della Gran Bretagna ha pubblicato un warning. La capitale italiana, secondo Londra, è pericolosa: meglio mettere in guardia i turisti sui rischi di ‘bag snatching e pick-pocketing’ (che significa letteralmente “furto di valigie e borseggio”) nelle principali città della Penisola e in particolare della “città eterna”.

Sul sito internet del Ministero degli Esteri britannico si dà il consiglio di prestare attenzione in special alle ‘aree più affollate di Roma, intorno alla stazione Termini e sulla linea bus 64, quella diretta a Città del Vaticano. Anche in treno che da Termini porta all’aeroporto di Fiumicino finisce sotto la lente d’ingrandimento dei burocrati inglesi, i quali raccomandano i propri concittadini di sorvegliare borse e bagagli.

La comunicazione ufficiale del Regno Unito ha provocato – era facile prevederlo – la reazione furibonda di Ignazio Marino, sindaco del Pd.

“In realtà – ha affermato il primo cittadino – come ho sottolineato all’ambasciatore britannico in Italia, ci sono dati internazionali irrefutabili che evidenziano come Londra sia, dal punto di vista del crimine, molto più pericolosa di Roma”.

Il sindaco di Roma aggiunge che i suoi concittadini “si sentono offesi dal warning”.

Nella foto: il Circo Massimo, una delle principali aree archeologiche della capitale.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *