Viaggi, le città italiane più amate dai turisti

roma-piazza-navonaImportanti dati per gli operatori del settore, ma anche per gli stessi amante del viaggio, arrivono dall’Agenzia nazionale del turismo, da Enit e dall’Hotel Price Index. Le ricerche evidenziano quali sono le località più visitate, quelle più motivate, le ragioni degli spostamenti e tanti altri elementi a capire un settore, quello turistico, che resta trainante per la nostra economica e che andrebbe meglio valorizzato.

Nel 2012 sono arrivati 49 milioni di stranieri per un totale di 180miljoni di presenze. La città più visitata è stata Roma, seguita da Venezia, Milano, Firenze e dalla sorprendente Sorrento (quinta). Al sesto posto Bologna, al settimo Napoli e all’ottavo Verona. La top ten è completata da Pisa (nona) e Alghero (decima).

Anche se non compare nelle primissime posizioni, la Puglia è in ascesa grazie ai matrimonio. Negli ultimi anni la regione meridionale ha ospitato alcuni dei matrimoni più esclusivi del pianeta. Hanno iniziato le star americane Justin Timberlake e Jessica Biel, i quali nell’ottobre del 2012 hanno celebrato le loro nozze a Borgo Egnazia, in provincia di Brindisi: una mega festa da ben 5 milioni di euro. Ma nemmeno Arabi e Indiani scherzano, su questo fronte.

Fondamentale il contributo di Cinesi e Russi, i “nuovi ricchi”. I turisti provienti da Cina e Russia sembrano non badare a spese, visto che scelgono le località più esclusive e gli hotel più cari. I Russi, in particolare, adorano le località di mare: dalla Costa Smeralda ad Amalfi, da Capri alla costiera amalfitana alla Versilia.

I turisti più presenti continuano comunque a essere i Tedeschi. Nel 2012 sono stati 12 milioni, il 22% del totale. Seguono Americani, Francesi e Inglesi. Specialmente i Tedeschi, cercano nelle loro vacanze in Italia quello che non trovano nel loro Paese: clima mite, folclore, mare, ottima gastronomia. Molto praticati, durante le gite, sono gli sport: dalla vela al ciclismo.

Nella foto: Piazza Navona, Roma.

 

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *