La nave Concordia lascia l’isola del Giglio

costa-concordiaIl tanto atteso giorno è arrivato: finalmente la Costa Concordia può lasciare l’isola del Giglio, in Toscana. La nave, il 13 gennaio 2012, urtò contro uno scoglio, forse per un errore del comandante Francesco Schettino, attualmente indagato. Lo squarcio di 70 metri provocò la morte di 32 persone. Il processo penale per stabilire le effettive responsabilità della sciagura è ancora in corso.

In ogni caso, adesso la priorità degli operatori è la rimozione del relitto, raddrizzato qualche mese fa grazie a un’operazione ingegneristica senza precedenti.

L’obiettivo è quello di portare la nave al porto di Genova, dove verrà definitivamente smantellata. Insomma, quello appena cominciato è l’ultimo viaggio della sfortunata nave. Regista delle operazioni è ancora una volta Nick Sloane.

In queste ore la nave, partita alle 9 dal Giglio, è trainata da due rimorchiatori oceanici ala velocità di due nodi ogni ora. Giungerà a Genova solo sabato sera ed entrerà in porto, a Voltri, domenica mattina. La nave, come riporta il quotidiano La Stampa, sarà smantellata in circa 22 mesi.

Ovviamente sono state prese tutte le misure di sicurezza necessarie affinché la Costa Concordia possa fare il suo percorso senza problemi. Il tempo dovrebbe consentire di effettuare le operazioni nei tempi previsti. Restano comunque le perplessità delle associazioni ambientaliste, tra cui Green Peace, rispetto al’inquinamento che la nave potrebbe provocare nel Tirreno. Il relitto, si sa, è ancora pieno di sostanze nocive.

Grande soddisfazione, alla partenza, è stata espressa dalla Protezione Civile. Il capo, Franco Gabrielli, ha affermato: “Siamo davanti al’ultimo traguardo. Canteremo vittoria solo quando la nave sarà arrivata al porto di Genova. Ci sono stati anche momenti molto difficili, ci sono stati problemi sul rispetto del cronoprogramma che hanno provocato polemiche”. Polemiche che, si spera, possano essere superate dalla buona riuscita delle operazioni in corso.

La foto della Costa Concordia è tratta da Wikipedia.

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *