Sms pilota : se mi lasci faccio cadere l’aereo

Se un uomo scrive un sms alla propria moglie dicendo “se mi lasci mi uccido” è una minaccia che può suscitare terrore  ma mai quanto ne possa suscitare il fatto che quest’uomo sia un pilota d’aereo e che abbia scritto questo messaggio poco prima di mettersi al proprio posto di comando, imbarcandosi su un aereo con 200 passeggeri.

E’ un episodio infelice che risale al gennaio 2015, reso pubblico solo oggi dalla Questura di Padova, e che ha coinvolto una coppia in corso di separazione.

La donna ha immediatamente  contattato il 113, attivando la procedura per allertare l’Enac (ente di sicurezza aerea) e la polizia di frontiera.

Il pilota residente a Padova, prima di imbarcarsi per Tokyo, è stato fermato dalla polizia all’aeroporto di Fiumicino e a tutt’oggi risulta sospeso dal suo incarico con indagini psichiatriche in corso.

Il volo sul quale era previsto che salisse l’uomo a pilotare era un volo intercontinentale, di una compagnia straniera e avrebbe viaggiato con 200 passeggeri a bordo.

Non era la prima volta che la donna riceveva  minacce di suicidio causate dal fatto che il pilota non voleva accettare la volontà della moglie in merito alla separazione.

Nulla esclude che un sms con toni persecutori, “Se mi lasci faccio precipitare l’aereo”, inviato dal pilota d’aereo, poteva ridursi ad una semplice  ennesima provocazione nei confronti della donna ma la questura, che già era da tempo al corrente del dramma che stava vivendo la coppia, ha deciso comunque di intervenire.

Se fosse accaduta la stessa cosa il 24 marzo, a distanza di meno di due mesi da questo episodio sconcertante, la strage della Germanwings si sarebbe potuta evitare.

Ma non è andata così e purtroppo la strage si è compiuta, ad opera di un pilota tedesco che affetto da depressione, si è schiantato con l’aereo di cui era alla guida, causando la tragica morte di circa 150 persone.

(Fonte foto strage Germanwings www.stranotizie.it)

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *