Meridiana, i sindacati difendono gli assistenti di volo a rischio licenziamento

Quasi un anno fa, il 30 aprile 2015, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, con la partecipazione delle Amministrazioni regionali interessate, del Gruppo Meridiana e delle Organizzazioni sindacali Nazionali di settore, è stato sottoscritto un accordo quadro che ha definito le linee guida di un percorso volto a perseguire il rilancio industriale del Gruppo Meridiana Fly, le parti si impegnavano a valutare entro il 23 marzo 2016 i criteri della Pertnerhip.

Pertanto oggi, alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico, si è tenuto un incontro fra Meridiana fly, Meridiana Maintenance e le organizzazioni sindacali.

Meridiana Maintenance, nata nel 2010 dall’unione delle attività di manutenzione delle compagnie aeree Meridiana ed Eurofly, insieme a Meridiana Fly, hanno affrontato la problematica del personale in esubero con l’aiuto dei sindacati, individuando i seguenti strumenti:

– ricorso al part-time;

– revisione del contratto aziendale;

– fabbisogno di personale navigante in Air Italy, da assumere attingendo dalla CIGS di Meridiana fly, Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria.

Se ci saranno da parte del governo le garanzie per un biennio di copertura della mobilità, ciò attenuerà il numero dei lavoratori in surplus, grazie all’uscita incentivata (901 persone, di cui 143 piloti, 591 assistenti di volo, 112 personale di terra in Meridiana fly e 54 unità in Meridiana Maintenance).

L’azienda ha inoltre sottolineato i benefici che porterebbe la realizzazione della partnership investendo nuove risorse

– nell’avvio del business cargo;

– nell’ottimizzazione del network

– nell’incremento del numero di ore volate del 15% nell’arco del piano 2017 – 2019

– nella disponibilità del partner ad assumere personale navigante, tecnico e amministrativo

Il confronto, che anche oggi è stato accompagnato da un presidio di lavoratori Meridiana, si dovrà concludere entro il 23 marzo per dare il via alla partnership con Qatar Airways.

Le organizzazioni sindacali hanno rappresentato la necessità di una immediata convocazione dell’azienda e dei sindacati da parte del Ministero dello Sviluppo Economico.

Fonte foto  www.lastampa.it

 

Ti potrebbe interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *